Risorse genetiche e C.B.D.

Il tema delle risorse genetiche genera un confronto e una contrapposizione tra i mercati internazionali – i grandi interessi economici – e i beni pubblici, i valori sociali, l’economia del territorio e delle comunità.

Il progetto “Il regime internazionale per l’accesso alle risorse genetiche e la ripartizione dei benefici derivanti dalla loro utilizzazione (ABS): il dibattito internazionale in corso e la Convenzione sulla Diversità Biologica (CBD), risorse terrestri e risorse marine, analisi e prospettive”, che VAS sta curando dal 2006, in convenzione con il Ministero dell’Ambiente,  ha come obiettivo l’analisi  del dibattito in corso su un tema tanto attuale e problematico.

In questo dibattito sono coinvolti i settori dell’industria farmaceutica, della cosmetica, dell’agroindustria, della chimica dei materiali, delle biotecnologie e delle nano-biotecnologie, dell’alta ‘finanza creativa’, con profonde implicazioni per le politiche della salute, dell’alimentazione e dell’ambiente,  intimamente connesse al benessere delle popolazioni locali ed alla loro partecipazione nei processi decisionali. L’agricoltura contadina, la produzione del biologico e dei prodotti tipici, il ruolo dei sistemi territoriali, l’offerta turistica ad essi legata sono gli ulteriori ambiti in cui si sviluppa questo dibattito.

Ma al di sopra di tutto vi è un problema centrale sul quale ogni prospettiva e tutti gli interessi dovrebbero convergere: la conservazione del patrimonio genetico, e delle dinamiche naturali che rendono possibile la sua espressione ed evoluzione.

Le politiche per la conservazione e per la gestione di modalità sostenibili di utilizzazione delle risorse genetiche diventano quindi il cardine intorno al quale dovrebbero ruotare tutte le altre decisioni.

È una sfida epocale raccolta dalle istituzioni internazionali in questi ultimi anni.

La Convenzione sulla Diversità Biologica è la sede per eccellenza in cui si svolge questo dibattito.

Il Regime Internazionale ABS dovrebbe costituire il governo e la governance di queste politiche.

Il presente progetto di ricerca ha come obiettivo l’analisi delle tematiche e delle proposte oggetto del dibattito in corso per la formulazione del regime internazionale per l’accesso alle risorse genetiche e la ripartizione dei benefici derivanti dalla loro utilizzazione (ABS), nonchè lo studio e l’elaborazione delle prospettive, delle opzioni e dei conseguenti futuri scenari.

Nell’ambito della CBD i temi dell’accesso alle risorse e della condivisione dei benefici sono i più controversi, in quanto entrano nel vivo dei grandi contrapposti interessi economici: paesi ricchi di biodiversità e di tradizioni locali – “providers”, fornitori di risorse, appartenenti al ‘sud del mondo’ – da una parte e, dall’altra, “users”, paesi utilizzatori di risorse, industrializzati – forniti di ‘tecnologie avanzate’ e risorse finanziarie e, generalmente, con una dotazione limitata di biodiversità.