Economia circolare, a che punto è la trattativa politica sul pacchetto normativo Ue?

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterPrint this page

 

Dopo anni di attesa, il pacchetto normativo sull’economia circolare che l’Unione europea sta mettendo a punto non dovrebbe essere lontano dall’essere definitivamente approvato.

Entro la fine di maggio le tre istituzioni dell’Ue – la Commissione europea, il Parlamento europeo e il Consiglio dell’Unione europea – entreranno nei negoziati interistituzionali definitivi prima di accordarsi sul testo finale delle nuove leggi in materia di rifiuti.

Quali saranno le posizioni di partenza?

Per rispondere a questa domanda European environmental bureau (Eeb), Friends of the earth Europe e Zero waste Europe hanno elaborato un’indagine – cui ha contributo anche l’italiana Legambiente – hanno inviato un questionario agli stati membri per valutare se e quali proposte sosterranno.

Le proposte in discussione – ricordano le associazioni – rientrano in tre principali direttive Ue: la Direttiva sui rifiuti, la Direttiva sugli imballaggi e sui rifiuti di imballaggio e la Direttive sulle discariche.

Vale la pena ricordare che, sebbene il pubblico dibattito sia incardinato attorno al concetto di “economia circolare”, il pacchetto normativo in via d’approvazione europea concentri la gran parte dell’attenzione sulla gestione dei rifiuti urbani, che nel nostro Paese rappresentano appena un quarto dei rifiuti totali.

Al proposito il Parlamento europeo è riuscito a far approvare una posizione “progressista”, rilanciando in realtà gli stessi obiettivi proposti dalla Commissione Ue a guida Barroso, mentre le altre istituzioni Ue preferirebbero obiettivi ancora più tiepidi.

Una situazione ambivalente che si riflette nelle variegate posizioni assunte dai vari Stati membri, talvolta tutt’altro che scontate.

Dall’indagine delle associazioni emerge infatti che, tra i Paesi che si oppongono maggiormente alla proposta, ci sono la Danimarca e la Finlandia, come anche Ungheria, Lituania e Lettonia.

Il Regno Unito, la Germania, la Polonia, l’Irlanda, la Slovenia e la Croazia non hanno voluto condividere invece la loro posizione con le associazioni.

Dall’altra parte, nelle fila dei supporter di una politica ambiziosa sui rifiuti e l’economia circolare, spuntano alcuni Paesi del sud Europa, come la Grecia e la Spagna, ma anche la Romania.

Curioso notare che, secondo l’indagine, a frenare siano proprio quei Paesi dove le politiche nella gestione dei rifiuti urbani sono già ai livelli più avanzati, mentre a spingere sia Stati dove a prevalere è ancora il ricorso alla discarica.

«Con riferimento allo smaltimento in discaricadocumenta infatti al proposito l’ultimo rapporto Ispra sui rifiuti urbanisi passa dallo 0,6% (Svezia) all’87,6% (Malta).  

Oltre alla Svezia, anche il Belgio, la Danimarca, la Germania e i Paesi Bassi fanno registrare percentuali molto basse (fino all’1,4%) di smaltimento in discarica, mentre, all’estremo opposto, Cipro, Grecia, Romania e Croazia smaltiscono in discarica una percentuale di rifiuti urbani compresa tra l’80,4% e l’82,8%.  

Eccezion fatta per la Spagna e la Grecia, i Paesi nei quali il ricorso alla discarica interessa oltre il 55% dei rifiuti urbani gestiti sono tutti di recente accesso all’Ue».

E per quanto riguarda l’Italia?

Repubblica Ceca, Italia, Svezia, Portogallo, Lussemburgo e Slovacchia, «sono a favore di un obiettivo di riciclo del 65% (per sommo paradosso l’Italia è l’unico Paese Ue ad aver fissato al 65% l’obiettivo di raccolta differenziata senza dare obiettivi di riciclo, ndr), ma non sembra che farebbero lo stesso con i target relativi alla preparazione al riutilizzo, all’obiettivo di riutilizzo del 10% degli imballaggi e a supporto di target di prevenzione dei rifiuti».

Nello specifico, in merito ai 6 punti che le associazioni ritengono prioritari e su cui Eeb ha costituito le domande rivolte ai Governi dei Paesi membri, l’Italia «ha dichiarato che supporterà, in fase di negoziato, i target di riciclo proposti dalla Commissione, i requisiti minimi riguardo la responsabilità estesa al produttore e l’obbligo di raccolta differenziata per la frazione organica dei rifiuti urbani.  

Al tempo stesso non supporta i target specifici per la preparazione al riutilizzo dei rifiuti urbani e non ha preso posizione riguardo i target di prevenzione dei rifiuti (al 2025 e al 2030) e l’obiettivo di almeno il 10% di riutilizzo di imballaggi».

«Il governo italiano – commenta al proposito Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente – purtroppo sta svolgendo un ruolo di retroguardia, in contrasto con gli interessi nazionali, nonostante oggi il Paese abbia tutte le carte in regola per fare da capofila nell’Europa dell’economia circolare».

 

(Articolo pubblicato con questo titolo il 16 maggio 2017 sul sito online “greenreport.it”)



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.