Sorgerà in Israele torre solare più alta del mondo

Share on Facebook196Share on Google+0Tweet about this on TwitterPrint this page

 

Entrerà in funzione nel 2018 la torre solare più alta del mondo, nel deserto del Negev in Israele.

La centrale solare termodinamica di Ashalim, in buona parte già costruita, prevede 50.000 pannelli solari (eliostati) disposti intorno a una torre alta 250 metri. Lo riferisce il sito ambientalista TreeHugger. I pannelli riflettono la luce solare sulla torre, scaldando un fluido speciale a temperature elevatissime: questo fluido trasforma l’acqua in vapore, che alimenta le turbine che fanno girare gli alternatori e producono elettricità.

È un sistema alternativo per produrre energia dal sole rispetto al fotovoltaico tradizionale, dove i pannelli trasformano direttamente la luce in corrente.

Il vantaggio del termodinamico rispetto al fotovoltaico è che il fluido mantiene la temperatura a lungo, e può far funzionare l’impianto anche quando il sole è tramontato.

Quando la centrale entrerà in funzione, produrrà 310 megawatt di energia, sufficienti ad alimentare 130.000 abitazioni, il 5% della popolazione di Israele.

Sarà il più grande impianto di energia rinnovabile nel paese.

Lo stato ebraico, pur avendo un’esposizione solare ottimale, finora non ha mai investito su questa fonte, preferendo affidarsi al gas naturale.

La centrale di Ashalim viene costruita dalla società statunitense BrightSource Energy, la stessa che ha costruito nel deserto della California la centrale solare termodinamica più grande del mondo, Ivanpah.

Questa ha 170.000 eliostati, ma la torre centrale è alta solo 140 metri.

 

(ANSA del 10 gennaio 2017, ore 17:36)



Una risposta a:
Sorgerà in Israele torre solare più alta del mondo

  1. E’ importante ricordare che tali impianti sono compatibili con aree desertiche.
    L’articolo parla di un impianto nel deserto del Negev in Israele.

    Tali impianti sono del tutto folli ed improponibili nel nostro Paese per la più totale assenza di vaste aree desertiche.

    Per approfondimenti, si legga:

    http://www.vasonlus.it/?p=26833

    http://www.vasonlus.it/?p=23241

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.