VAS aderisce alla petizione “l’Europa contribuisca alla salvezza del Clima” e invita alla sua sottoscrizione

 

vas600piccolo.1         Comunicato del 7 marzo 2014         Immagine.Rete Campana

 

VAS aveva chiesto e sperato che la riunione dei Ministri dell’Ambiente e dell’Energia a Bruxelles  del 3 e 4 marzo scorsi modificasse radicalmente la proposta della Commissione Europea del gennaio scorso per gli obbiettivi su Clima ed Energia della Unione Europea per il 2030: una proposta assolutamente inadeguata anche a solo limitare le variazioni climatiche dei prossimi anni  con le ormai ben prevedibili  catastrofiche  conseguenze per la Umanità, la Biodiversità e l’intero Pianeta.

Ciò non solo non si è verificato ma addirittura il neo Ministro all’Ambiente,  Galletti, da sempre fortissimo sostenitore della scelta e degli interessi nuclearisti, ha ulteriormente  arretrato la posizione dell’Italia,  portandola da quella del Parlamento Europeo (40% di riduzione della CO2 rispetto al 1990, 30% di consumo di energia da rinnovabili ed un aumento del 40% dell’efficienza energetica) sostenuta dal precedente ministro Orlando a quella profondamente peggiorativa della Commissione Europea: la riduzione del 40% sulle emissioni del 1990  ed il  27%  di energie rinnovabili  (senza imporre alcun vincolo  ai singoli paesi)  e addirittura nessuna indicazione per il risparmio e l’efficienza energetica, costituendo così un pesante arretramento rispetto allo schema del protocollo di Kyoto, (riduzione emissioni rispetto al 1990, percentuale copertura da fonti rinnovabili, percentuale risparmio ed efficientamento) .

Per l’accumulo progressivo della CO2 e degli altri gas serra nell’atmosfera, tali valori sono lontanissimi  da quelli necessari ed  universalmente riconosciuti,   per contenere, entro il 2050,  il surriscaldamento del Pianeta entro i due gradi, che sono la soglia prima dell’apocalisse.

Appare sempre più chiaro che a dettar  legge sono esclusivamente le potentissime lobbies del petrolio, del carbone,  del gas e del nucleare:  sfruttando la crisi da essi creata, stanno   terrorizzando l’opinione pubblica internazionale mandando informazioni totalmente false  sui costi dell’energia,  sulla impossibilità della ripresa economica,  produttiva ed occupazionale  senza lo sfruttamento delle fonti fossili e la tenuta oggi,  per poi rilanciare in prossimo  futuro,  del nucleare.

È perciò una lotta contro il tempo per cambiare radicalmente la proposta della Commissione Europea su clima ed energia. nel prossimo Consiglio  Europeo del 20 e 21 marzo, che definitivamente fisserà gli obbiettivi.

Importantissima è la iniziativa che tutte le  associazioni Ambientaliste  stiamo  attivando in tantissimi luoghi e verso tante istituzioni,  ma contestualmente occorre far sentire fortissima  la voce,  la protesta e la proposta dei Cittadini ed è perciò che noi VAS aderiamo alla campagna “l’Europa contribuisca alla salvezza del Clima”,  chiedendo ai  nostri iscritti,  simpatizzanti e cittadini tutti di firmare e diffondere la petizione lanciata dalla Rete Campana della Civiltà del Sole e della Biodiversità.

Basta cliccare sul link di cui di seguito. 

http://www.change.org/it/petizioni/consiglio-dell-unione-europea-firma-per-l-obbiettivo-europeo-60-50-50-sul-clima-ed-energia-per-il-2030?>

Il Direttivo della Rete Campana della Civiltà del Sole e della Biodiversità accoglie con grande gioia tale adesione, certo che ad essa ne seguiranno molte  altre anche esse di fondamentale importanza per incidere fortemente sulle decisive scelte del Consiglio Europeo del 20 e 21 marzo prossimo..

 

Il Presidente nazionale VAS, Guido Pollice

Il Presidente della Rete Campana della Civiltà del Sole e della Biodiversità, Antonio D’Acunto.

 

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com